La stagione dei razionamenti: cittadini senza acqua in tutto il Paese

Di Federica Daga:

Basta soffermarsi sulle pagine dei giornali locali per tracciare una mappa dei disservizi e dei razionamenti d’acqua. Ogni estate è la stessa storia, l’acqua scarseggia: non basta nelle località turistiche che si riempiono di villeggianti ma spesso non è sufficiente neanche per i cittadini che si vedono costretti a ricorrere alle autobotti e a penalizzare le proprie attività commerciali e la propria quotidianità.

💧Le infrastrutture sono vecchie, gli interventi sulla rete non adeguati e spesso non celeri. Il risultato? L’acqua manca e diventa sempre meno un diritto esteso a tutti e sempre un privilegio, una merce su cui lucrare.

Ecco una “fotografia” del Paese (quelli citati sono solo alcuni esempi) per chi dice che la gestione del servizio idrico funziona. E che non sfugga che anche nel virtuoso Nord i cittadini vivono quotidianamente disagi e disservizi. Occorre una pianificazione della risorsa in concerto con tutti i settori interessati e un controllo centrale che porti a uguaglianze di servizio sui territori. È necessario un cambiamento e questo cambiamento porta il nome di #acquapubblica

⭕Catania – Disservizi a firma Sidra spa, da mesi nelle case dei catanesi l’acqua viene e va ad orari quasi mai annunciati e rispettati.

⭕Isola d’Elba – Asa consiglia a residenti e turisti di farsi poche docce annunciando che attualmente la situazione è in linea con quella dello scorso anno quando, per un paio di settimane a ridosso di Ferragosto, i rubinetti sono stati chiusi nelle ore di punta.

⭕Mantova – Il sindaco della città dei vivai, Canneto ha emesso un’ordinanza per la limitazione di utilizzo dell’acqua potabile erogata dall’acquedotto con il divieto di utilizzo dell’acqua per scopi irrigui di orti e giardini e di raffrescamento dalle ore 5 alle ore 23, fino al prossimo 30 settembre.

⭕Sassari – Tempio Pausania, i cittadini si vedono costretti a modificare le loro abitudini quotidiane e domestiche a causa del razionamento dell’acqua nelle ore serali. Nella fascia oraria compresa tra le 17.30 e le 6 i rubinetti sono a secco.

⭕Lucca – A Capannori, quattromila abitanti con rubinetti a secco da stamani e per un paio di giorni, la sospensione della distribuzione decisa dal gestore Acque spa.

⭕Marsala – Una mattinata senza acqua per molti marsalesi: probabilmente si sarà verificata una rottura della vecchissima e fatiscente conduttura idrica del Comune.

⭕Frascati – A partire dal 1 luglio 2019, a causa delle alte temperature e dei consumi elevati, sono previste turnazioni idriche che andranno a interessare il territorio di Frascati. lo comunica l’Acea Ato 2.

⭕Varese – Nei comuni della Valcuvia aumentano i villeggianti, scarseggiano le piogge e i primi squilibri idrici sono dietro l’angolo: dalle 24.00 alle 5.00 di ogni giorno sarà possibile la sospensione dell’erogazione dell’acqua potabile.

⭕Bari – Mezza città è rimasta per ore senz’acqua. Disagi e riduzione dell’erogazione idrica si sono verificati a Bari a causa di un guasto Aqp, arrivano le autobotti nel centro storico.

⭕Caltanissetta – Gela. La città è costretta ad “elemosinare” l’acqua dalle autobotti che il sindaco Lucio Greco ha imposto a Caltaqua di mettere a disposizione.

⭕Brindisi – Rubinetti chiusi nel picco della stagione turistica

⭕Latina – A Minturno, un’ordinanza che vieta l’utilizzo dell’acqua potabile per usi non stabiliti dal contratto di fornitura, è vietato utilizzare l’acqua potabile, ad esempio, per riempire piscine, o irrigare gli orti o anche l’approvvigionamento da fontane pubbliche o per riempire cisterne. Black-out distributive anche per i cittadini di Latina per ben tre giorni.

Condividi l’articolo su: Facebooktwittergoogle_plus

FONTE : Federica Daga