La polemica sul Commissario alle Bonifiche solo un tentativo di scaricare le colpe sul Ministro Costa

Visita di Costa alla Resit

L’attenzione e il lavoro per ottimizzare i processi di bonifica nella Terra dei fuochi e in particolare in zone molto critiche come l’Area Vasta di Giugliano sono stati e restano in cima all’agenda del nostro governo.

Per questo motivo, abbiamo respinto fin da subito la polemica assurda scatenata nei giorni scorsi dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in merito al commissariamento delle opere di bonifica delle aree ex Resit.

Una questione montata ad arte solo per scaricare sul nostro Ministro dell’Ambiente le colpe che, alla luce della recente delibera di giunta regionale n. 20/2020, sono tutte in capo al presidente De Luca che, con questo atto, infatti, si è deciso finalmente ad attivare tutte quelle procedure propedeutiche al passaggio dalla gestione commissariale a quella ordinaria che però avrebbero dovuto avviarle già lo scorso mese di luglio quando la Regione, evidentemente in ritardo in questo senso, chiese e ottenne la proroga delle gestione commissariale.

Proroga che però ha visto la Regione restare immobile fino alla nuova scadenza giunta lo scorso 16 dicembre, al seguito della quale De Luca, piuttosto di rimboccarsi le maniche, ha preferito accusare il Governo del mancato prolungamento fino a luglio 2020 del commissariamento.

E siamo ad oggi, con una delibera che conferma puntualmente come la giunta regionale, pur consapevole da tempo di doversi attivare per raccogliere il testimone della gestione delle opere di bonifica dal commissario De Biase, fino a pochi giorni fa non si era minimamente preoccupata di farsi trovare pronta, nei tempi stabiliti, per una delle aree inquinate più critiche della Terra dei Fuochi.

Tutto questo a conferma che quello di De Luca è stato un maldestro quanto patetico tentativo di attaccare il nostro Governo che invece, tramite il ministro Costa, si è reso immediatamente disponibile con uomini e risorse e portare avanti, senza ulteriori intoppi, l’attività di bonifica nell’Area Vasta di Giugliano.



Di Salvatore Micillo:

FONTE : Salvatore Micillo