Incendio oasi protetta laghi Alimini. Trevisi (M5S): “Necessario aumentare le attività di vigilanza”

“È necessario potenziare le attività di vigilanza ambientale, anche attraverso l’installazione di attrezzature di videosorveglianza, nell’oasi protetta dei laghi Alimini, dove ieri si è sviluppato un incendio che ha distrutto decine di ettari di vegetazione in zona Fontanelle. Il presunto autore sarebbe stato fermato, ma non è la prima volta che accade ed è necessario tutelare la zona”. Lo dichiara il consigliere del M5S Antonio Trevisi.

Gli incendi provocano danni ingenti all’ambiente e alla biodiversità delle aree naturali protette. In considerazione della frequenza con cui si verificano e visto l’alto valore naturalistico e ambientale di queste aree, fondamentali anche per lo sviluppo economico e turistico – continua il pentastellato –  è importante mettere in campo misure sempre più incisive in materia di gestione forestale, prevenzione incendi e vigilanza. È proprio la Regione a dover esercitare la propria funzione di coordinamento e di assistenza nei confronti sia degli organi di gestione delle aree naturali protette, per garantire un buono stato di conservazione degli habitat e delle specie che vi sono presenti e una corretta gestione forestale attraverso interventi di miglioramento e incremento delle superfici boscate; sia dell’ARIF che ha competenze proprio in materia di tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e forestale e di monitoraggio, previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi. Da tempo, inoltre, denunciamo la mancata piena operatività del Nucleo regionale di vigilanza ambientale che ha funzioni di controllo e vigilanza proprio in materia di prevenzione e repressione dei reati ambientali. Sono tanti gli strumenti per mettere in atto azioni coordinate e sinergiche a tutela del territorio, anche avvalendosi dei mezzi che le nuove tecnologie ci mettono a disposizione. Non è più ammissibile che migliaia di ettari di aree verdi vengano distrutti su tutto il territorio. Chiediamo all’assessorato all’Ambiente di intervenire con piani di rimboschimento di queste aree che vanno valorizzate e tutelate. Non è più concepibile – concludono il consigliere – perdere in un solo giorno diversi ettari di vegetazione divorati dal fuoco”.

Post Views: 11



Di MOVIMENTO 5 STELLE Puglia:

FONTE : MOVIMENTO 5 STELLE Puglia