Il ragazzo che catturò il vento

Di Il Blog di Beppe Grillo:

Il suo villaggio aveva attraversato una delle peggiori siccità degli ultimi anni, erano morte migliaia di persone. La sua famiglia era sopravvissuta a stento con un pasto al giorno. La terra rossa nella sua città natale, Masitala, era inaridita, lasciando il padre, un contadino, senza reddito. Kamkwamba, aveva 16 anni. Nel suo villaggio mancava tutto, una sola cosa era ancora abbondante. Il Vento.

La famiglia rimasta con pochi soldi non riuscì a pagare le tasse scolastiche del figlio, che fu espulso, ma proprio per questo iniziò a trascorrere le sue giornate in biblioteca. Un giorno un libro con fotografie di mulini a vento attirò la sua attenzione.

“Ho pensato, questa cosa esiste in questo libro, significa che qualcun altro è riuscito a costruire questa macchina”.

Armato del libro, l’allora quattordicenne si è ingegnato per capire come costruire mulini a vento. Perlustrava gli sfasciacarrozze, cercava di tutto, pezzi di biciclette, tubi di plastica, ventole dei trattori e batterie per auto. Per la torre, raccolse legna da alberi di gomma blu.

“Tutti mi hanno riso quando ho detto che stavo costruendo un mulino a vento, pensavano che fossi pazzo”.

Era il 2002. Ora ha cinque mulini a vento che generano elettricità e pompano acqua nella sua città natale, a nord della capitale, Lilongwe. I vicini percorrono regolarmente i polverosi sentieri per caricare i loro telefoni cellulari. Altri si fermano ad ascoltare musica reggae del Malawi a tutto volume da una radio.

Questa esperienza gli ha cambiato la vita.

L’ex vicepresidente degli Stati Uniti, Al Gore, lo ha applaudito per il suo lavoro. Kamkwamba è invitato ad eventi in tutto il mondo per condividere la sua esperienza. Durante un recente viaggio a Palm Springs, in California, vide per la prima volta un vero mulino a vento, ben lontano dalle strutture di legno traballanti che girano nel suo cortile.

Kamkwamba, ora ha 22 anni, è uno studente dell’African Leadership Academy, non ha fatto molti soldi, ma ci sono molti donatori che pagano la sua retta per permettergli di studiare in questa prestigiosa scuola. Sperano che sapendo di più, Kamkwamba possa fare molto di più.

Potrete trovare il film che racconta la storia di Kamkwamba su Netflix:  “Il ragazzo che catturò il vento” 



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo