Il giocattolo giusto? Bello per tuo figlio e buono per il Pianeta

Il giocattolo giusto? Bello per tuo figlio e buono per il Pianeta

Tanta e spesso non riciclabile: l’invasione della plastica non ha risparmiato il mondo dei giocattoli, anzi, si può dire che negli ultimi trent’anni legno e altri materiali naturali usati un tempo sono diventati una rara eccezione. Ma la pressione delle campagne globali per un Pianeta plastic free non ha risparmiato i principali produttori mondiali, che sempre più si sforzano di ricorrere a materiali ecologici ed ecosostenibili.

In questo periodo dell’anno mattoncini delle costruzioni, bambole e altri oggetti colorati dedicati ai più piccoli invadono le nostre case con tutta la loro carica impattante sull’ambiente: una ragione in più per riflettere sulle nostre scelte di consumo e comprendere chi davvero, nell’industria del giocattolo, fa la scelta giusta. Recentemente il New York Times ha compilato una lista dei desideri per i giocattoli eco-friendly, utile ai genitori per salvaguardare il Pianeta e ai bambini per apprendere la cultura de riuso e del riciclo.

Lo scopo è fare in modo che ogni giocattolo sia amico dell’ambiente o addirittura riutilizzabile così da non finire in discarica dopo una vita che mediamente è molto breve tra le mani dei bambini. Ed è lo stesso obiettivo che anima la campagna Giocattoli in MoVimento, che dal 6 gennaio a fine mese vedrà tanti attivisti pentastellati organizzare banchetti e gazebo per favorire il baratto di giocattoli in disuso e donarne tanti altri ai bambini che non possono averne.

Ma torniamo alla rassegna dei giochi e doni “green” da mettere sotto l’albero, che sia per i materiali utilizzati o per il loro profilo “educational”. Tra le strategie per sensibilizzare i più piccoli alle tematiche ambientali c’è il progetto Green Kid Crafts. Con una scatola contenente un piccolo kit, ogni bambino potrà aspirare a diventare uno scienziato ambientale: tra le mani avrà tutto l’occorrente per realizzare piccoli lavoretti che riguardano gli oceani, i vulcani o lo spazio. E per ogni ordine ricevuto la società che produce i kit pianterà un albero, grazie alla collaborazione con One Tree Planted, così da ottimizzare in ogni suo aspetto la vendita del prodotto.

Per gli amanti degli animali, c’è la possibilità di fare un regalo non proprio materiale. Non sarà certo semplice far digerire ai bambini l’idea di non scartare un pacchetto, ma potrebbe fare molta presa sul loro immaginario l’idea di poter adottare un leopardo o un altro animale non proprio domestico. Potranno scegliere tra 140 specie animali grazie alla collaborazione con il Wwf. In cambio riceveranno un peluche e un certificato nel quale figurano come genitori adottivi di un animale che di solito possono conoscere solo andando al bioparco o dagli schermi.

I giocattoli possono servire anche a insegnare un mestiere come quello dello chef. E anche in questo caso si può trovare il modo di trasmettere un messaggio contro lo spreco alimentare: il cibo da cucinare non deve essere per forza perfetto esteticamente: la frutta e le verdure in legno del Wonky Fruit&Vegetables set sono fatti per essere tagliati – per gioco – e soprattutto hanno dei difetti, proprio come accade nella realtà così da sgombrare la mente dei più piccoli dalla convinzione che i cibi non perfetti vadano buttati.

Quando si vuole far giocare i bambini con i colori si cerca di stare attenti alle sostanze che usano per evitare che vadano sulla loro pelle o peggio vengano ingeriti. Ancora meglio se i pigmenti usati per realizzarli sono interamente naturali come quelli del kit di Natural Earth Paint.

Infine, se proprio non si può fare a meno di regalare un bel camion di plastica colorata o una macchinina che tanta presa fanno sui bambini, si può almeno fare attenzione al fatto che siano realizzati in materiale riciclato, magari attraverso un procedimento che consenta ai giocattoli di non contenere sostanze tossiche come il bisfenolo A o altri additivi presenti nella plastica industriale. GreenToys ad esempio ricava il materiale per realizzare i suoi prodotti dai contenitori per il latte e poi impacchetta il gioco in cartone riciclato e stampato con inchiostro vegetale. Anche in Italia giochi in legno, bioplastica o in cartone riciclato fanno sempre più sesso capolino dagli scaffali e sin da quando vengono scartati suggeriscono quanto importante sia per i bambini occuparsi dell’ambiente che ricevono in eredità e nel quale diventeranno adulti, consegnando ai loro figli giochi puliti e un Pianeta meno inquinato.

L’articolo Il giocattolo giusto? Bello per tuo figlio e buono per il Pianeta proviene da Il Blog delle Stelle.



Di Il Blog delle Stelle:

FONTE : Il Blog delle Stelle