Gli oceani stanno diventando “nucleari”

Di Il Blog di Beppe Grillo:

Una nuova ricerca suggerisce che il riscaldamento dell’oceano sta diventando davvero preoccupante. A causa del cambiamento climatico, equivale a una bomba atomica al secondo.

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista National Academy of Sciences, gli oceani di tutto il mondo assorbono circa il 90% dell’energia in eccesso causata dalle emissioni di gas serra. Ciò significa che la maggior parte del riscaldamento globale si sta immagazzinando negli oceani del mondo, aumentando le temperature e innescando l’innalzamento del livello del mare.

Le stime suggeriscono che il riscaldamento globale degli oceani dal 1871 ad oggi ammonta a circa 436 x 1021 joule. Se non parli la lingua dei numeri, questo potrebbe non dirti molto, quindi i ricercatori hanno fornito un esempio. Il calore assorbito dagli oceani in quel periodo di tempo è circa 1.000 volte l’uso annuale di energia dell’intera popolazione della Terra.

Per un’analogia più vivida, il team scientifico di The Guardian ha elaborato i numeri con una metrica diversa, concludendo che il riscaldamento globale, ha riscaldato gli oceani con l’equivalente di una esplosione atomica al secondo negli ultimi 150 anni.

Impressionante? Gli editori di The Guardian hanno controllato i loro calcoli con l’autore principale dello studio, Laure Zanna dell’Università di Oxford.

“Cerco di non fare questo tipo di calcolo, semplicemente perché lo trovo preoccupante”, ha detto Zanna al Guardian. “Di solito cerchiamo di confrontare il riscaldamento con l’uso di energia, per renderlo meno spaventoso”.

Ma c’è qualcosa in più. Secondo il gruppo di ricerca, queste nuove stime provano che gli oceani assorbono la maggior parte dell’energia in eccesso nel sistema climatico, che è prodotta dai gas a effetto serra emessi dalle attività umane. La parte davvero importante, è che oceani più caldi portano ad un innalzamento dei livelli del mare. Questo perché l’acqua subisce una espansione fisica quando diventa più calda. Quindi lo scioglimento dei ghiacci sono solo una parte del problema.

La nuova ricerca dovrebbe aiutare gli scienziati a fare previsioni più accurate, negli anni a venire, di dove e quando il livello del mare aumenterà.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo