Firmato il Dpcm per il piano stralcio acquedotti

Dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti:

Disponibili 80 milioni di euro stanziati dalla legge di Bilancio 2019-2020 per 26 interventi

2 agosto 2019 – È stato firmato dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il Dpcm che, su proposta del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, adotta il primo stralcio della sezione “acquedotti” del Piano nazionale degli interventi nel settore idrico.

Predisposto dall’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera), lo stralcio prevede 26 interventi che, finanziati con gli 80 milioni di euro stanziati dalla legge di Bilancio per gli anni 2019-2020, sono in grado di attivare ulteriori risorse da tariffa per complessivi 540 milioni di euro.

Con tale ultimo provvedimento, ad oggi sono ormai pari a 590 milioni le risorse già impegnate sui complessivi 1,577 miliardi di euro che il Governo ha messo a disposizione a favore del settore idrico tra Piano nazionale – sezione “invasi” e sezione “acquedotti” – e Fondo infrastrutture. Le risorse complessive diventano pari a ben 2,048 miliardi di euro, se si sommano i fondi FSC 2014-2020 destinati all’incremento della sicurezza delle dighe.

Si tratta di uno sforzo enorme, sia finanziario sia tecnico-amministrativo del Mit, se si considera che a meno di due anni dalla siccità del 2017 sono 263 le opere già finanziate.

È stato così dato avvio non solo ad una rilevante programmazione che serve allo sviluppo socio-economico del territorio e delle sue imprese ma, soprattutto, anche all’attuazione di importanti e necessarie opere in un settore, quale quello idrico, nel quale lo Stato non era più intervenuto dal 2001, a far data cioè dalla Legge Obiettivo, che finanziò opere idriche per 1,2 miliardi di euro.

Inoltre, con il decreto 2 agosto 2019 a firma del Ministro Danilo Toninelli, con il quale sono stati individuati gli indicatori di valutazione degli interventi e i criteri di riparto delle risorse tra le sette Autorità di distretto, si potrà procedere all’utilizzo dei restanti 540 milioni di euro della sezione “invasi”: a breve tutte le Autorità riceveranno la nuova scheda finalizzata alla presentazione delle proposte di finanziamento.



FONTE : Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti