FAZIO E MACRON – una notizia che mi diverte un mondo

di Claire Felugo:

A PROPOSITO DI FAZIO E MACRON – Devo dire che questa notizia, mi diverte un mondo.

Si perché per quasi un tetro trentennio, gli aristodem, quelli con la puzza sotto il naso, le vacanze sotto gli ombrelloni di paglia (molto Cuba Libra) di Capalbio, il cachemirino in tutte le tonalità del blu o del rosa, e quell’aria annoiata e stronza, mi hanno gonfiato le palle virtuali con l’ “essere di sinistra” dell’ incolore Fazio, un travet del potere di sinistra, assurto nel mondo della tv, a gigantesche proporzioni dicendo sempre si’ con la tessera nel taschino, e rispolverando una vecchia canzone/fotoromanzo di quei re del trash dei “Cugini di campagna”. E c’e’ riuscito senza possedere la coscia lunga della Parietti o l’arroganza acchiappasberle di Amendola o di Castellitto o la Mannoia (la cantante, due anni fa, rispose a mio figlio che detestava Grillo e che comunque lei doveva pensare ai suoi caxxi, non ai poveri
E si becco’ subito un “ma vaffanculo!” di Iacopo!)
Un omuncolo insignificante come una spia bulgara in un film di James Bond, Fabio Fazio, ma ha tenuti, inspiegabilmente, incollati al video milioni di persone. Per lo più, intelligentoni di sinistra in carriera ai quali della fu sinistra, piace solo la teoria, pardon…l’ideologia, se applicata agli altri e non a loro.

Tanti, tanti anni fa, frequentavo un’amica, laureata in Lettere e decisamente comunista. A tratti, al massimo socialista. Anche perché con la tessera pote’ entrare a lavorare a tempo indeterminato nel Comune di Milano. E anche nei primi anni 80, era difficile accedere ad un posto del genere. Fu messa in cima ad una lista di privilegiati. Non solo, sempre attraverso i suoi amici di sinistra, ottenne, lei, con posto sicuro e marito libero professionista ad alto reddito, un appartamento nuovo di zecca di proprietà del Comune, (sala, cucina abitabile, 3 camere, stanza guardaroba, tre bagni, lavanderia e 2 terrazzi, riscaldamento autonomo più 2 posti auto) alla ridicola anche per allora, cifra di 220 euro al mese all inclusive.
E lo ottenne scavalcando liste di attesa infinite di gente davvero bisognosa.
La nostra amicizia fini’ quando, non riuscendo piu’ a far tacere il mio provenire da due genitori veramente di sinistra, le feci notare che, da buona comunista, avrebbe dovuto lasciare il posto ai bisognosi. S’infurio’, mi diede della fascista che confondeva le ideologie “sacre” nelle quali lei credeva ciecamente, con il qualunquismo ed il populismo. Mi diede della “donnetta senza spessore che guarda “Stranamore” (è vero, lo guardavo e mi piaceva pure).
Ma non rispose mai alla mia domanda. E anche quando le rinfacciai di avere arricciato il naso quando un sabato sera si ritrovò la signora che veniva a fare le pulizie a casa mia, ospite per il mio compleanno, come lei, mi rispose: “scusa ma io sono una laureata cresciuta nella cultura. Cosa racconto ad una donna semianalfabeta della provincia di Caserta?”. “Quello che le racconto io, – le ho risposto – di me, di come ho perso la mia famiglia, della mia attuale famiglia. E lei mi racconta dei suoi anni orribili in una provincia dove imparano prima a sparare e poi a scrivere. Di una bambina che non aveva il letto, che doveva fare i suoi bisogni in una fossa biologica nella corte, estate ed inverno. Di come sua madre aveva partorito per terra, in quella corte, il sesto figlio. E di quanto era felice di vivere in 30 mq in una brutta casa di ringhiera di Milano, con il marito che aveva un lavoro e non doveva guardarsi le spalle.

Ma la mia ex amica e così Fabio Fazio, appartengono a quel fungo letale che ha intaccato e poi divorato la sinistra. Sono quelli di sinistra che non hanno e non avranno mai un cuore che batte per la sinistra. Come il mio oggi batte in sincrono con il M5S.
Questi “ultracorpi” senza vita, sono orridi replicanti di una defunta sinistra che proprio loro hanno contribuito ad uccidere.

Fazio l’illusionista ha incontrato Macron perché, lo deve far credere di appartenere ancora alla “sinistra illuminata”, ma, come la Gruber, l’Annunziata, Floris, Formigli, Greco, Zucconi, Severgnini, Da Milano, Mentana ed altre frattaglie tipo Merlino o Panella, in realtà fa parte di una Cupola neoliberista che ostacola la vera sinistra e tutto quello che ne ha il sapore. Una folta schiera di venduti alla tenebrosa (altro che illuminata!) massoneria mondiale, esseri che sembrano umani ma a cui di umano è rimasta solo la ferocia.

Fazio Incontra Macron? Giusto. Sono della stessa maledetta razza.
Quale segreto dovrà confidare il burattino costruito al tavolino da Soros e Goldman & Sachs, al nostro burattino di regime?

Potrebbe interessarti anche: