FAQ per chi non comprende un testo ma vuole occuparsi di attualità politica

Ci siamo abituati, internet è un luogo sempre fertile quando si tratta di fake news e complottismi, e l’emergenza coronavirus ha accelerato anche le bugie. Ma ora queste sono pericolose e spiace constatare che a questi mezzi ricorrano anche i politici di opposizione che annientati dal gradimento del Premier Conte, superati a destra dall’euroscetticismo del Presidente Mattarella e in totale crisi di argomenti non fanno che rendersi ridicoli aizzando una discreta quantità di persone che faticano a comprendere un testo anche dopo averlo letto.

Voglio dare un piccolo contributo con poche FAQ semplici e comprensibili (ovviamente il post è ironico ma non per questo utile):

  • L’Italia ha dato 25 miliardi mentre altri Paesi 300/400. FALSO!
  • L’Italia ha messo a disposizione denaro per le persone e aziende in difficoltà, gli altri Paesi non hanno dato 1€ ma messo a disposizione una garanzia di Stato sui prestiti. Cosa che comunque potrebbe avvenire anche in Italia, le persone non avevano bisogno di prestiti in prima istanza ma di liquidità!
  • Il Governo è stato lento nell’emergenza mentre altri denunciavano. FALSO!
  • Il Governo italiano non ha mai cambiato opinione affidandosi sempre alla comunità scientifica ed usando il principio della gradualità nelle chiusure mentre le opposizioni hanno avuto opinioni contrastanti anche al loro interno. Molti politici come il governatore Zaia si sono lamentati dei primi provvedimenti che limitavano la circolazione per poi cambiare idea.
  • C’è una medicina che non vogliono darci. FALSO!
  • Non c’è alcuna medicina che funzioni come non c’è alcun complotto, in Italia è stato isolato il coronavirus, a Napoli si procede in maniera avanzata con le ricerche come in tutto il mondo e appena un farmaco ha effetti positivi viene testato.
  • Nel “cura Italia” c’è uno svuota carceri. FALSO!
  • Nelle carceri non c’è il coronavirus e le rivolte sono state sedate. Non esiste nessun provvedimento svuota-carceri, quello in atto trova le basi nel lavoro intrapreso con Governo Conte 1. La Lega appoggiava una riforma che facesse scontare le pene inferiori a 18 mesi agli arresti domiciliari e così abbiamo fatto ora. Incomprensibile la polemica per chi segue il tema.
  • Le opposizioni hanno dei contributi che il Governo non ascolta. FALSO!
  • Tutte le opposizioni sono state ascoltate dal Governo e a più riprese, molte considerazioni sono state inserite nel “cura Italia” perché largamente condivise e già pensate dal Governo.

Sperando d’aver dato risposte anche a chi non ne avesse in merito (anche se sembra impossibile) vi saluto.

Archivi



Di Francesca Businarolo:

FONTE : Francesca Businarolo