ESTENDIAMO LE ZONE ECONOMICHE SPECIALI AL CENTRO-NORD PER SOSTENERNE LO SVILUPPO ECONOMICO ED INDUSTRIALE

Di Tiziana Ciprini:

Per risolvere gli squilibri e le disuguaglianze presenti in Italia abbiamo bisogno di interventi strutturali. In tal senso le Zone Economiche Speciali possono rappresentare un tassello importante del quadro di intervento: si tratta di vere e proprie aree geografiche circoscritte che applicano una legislazione economica differente rispetto a quella applicata nel resto del Paese e che godono di incentivi fiscali, finanziari e di semplificazione amministrativa a beneficio delle aziende che ne fanno parte.

Nel #DecretoCrescita abbiamo stanziato circa 300 milioni (che si aggiungono ai 250 milioni) in favore delle ZES, collocate in varie parti del Sud Italia, per sostenerne lo sviluppo economico ed industriale, e finanziandolo attraverso il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC). 

Adesso vogliamo estendere questa formula anche alle aree del Centro-nord, realizzando uno studio su quelle aree che potrebbero essere inserite nelle Zone Economiche Speciali: l’obiettivo è realizzare nel più breve tempo possibile tutto il lavoro preparatorio richiesto, insieme a tutti gli attori coinvolti, in modo da presentare già a settembre, in vista della Legge di Bilancio, il piano per l’istituzione delle ZES, in modo da avere le risorse già a partire dal prossimo anno.

Vogliamo un’Italia economicamente unita e sviluppata da Nord a Sud, dal centro alla periferia, perché solo così potremo offrire a tutti i cittadini pari opportunità.

L’articolo ESTENDIAMO LE ZONE ECONOMICHE SPECIALI AL CENTRO-NORD PER SOSTENERNE LO SVILUPPO ECONOMICO ED INDUSTRIALE sembra essere il primo su Tiziana Ciprini.



FONTE : Tiziana Ciprini