EQUO COMPENSO PER COPIA PRIVATA

Di Alessandra Carbonaro:

Oggi in commissione Cultura abbiamo parlato di equo compenso per copia privata di audio e video con il sottosegretario alla Cultura Gianluca Vacca ci ha rassicurato sul fatto che il Mibac sta disciplinando la materia e analizzando sistemi che rendano applicabili esenzioni ex ante e rimborsi ex post.

Come emerso dalle pronunce del Consiglio di Stato e della Corte di Giustizia europea, la normativa nazionale viola il principio di parità di trattamento tra produttori e importatori assoggettati al prelievo per copia privata, poiché la normativa nazionale si limita a imporre alla Siae l’obbligo di “promuovere” la conclusione di protocolli esentativi. Questo viola anche il principio di certezza del diritto, peraltro non garantendo una efficace procedura di rimborso effettiva per i soggetti produttori importatori e distributori di apparecchi e supporti destinati a uso professionale. Per questo già da tempo si rendeva necessario l’intervento del ministero, che dopo anni di attesa, è arrivato!