ECONOMIA CIRCOLARE: COSA STIAMO FACENDO

Di Roberta Lombardi Cittadina:

 

L’Italia si sta caratterizzando per essere uno dei Paesi più all’avanguardia al mondo nell’economia circolare. Nel 2017, nel nostro Paese, sono stati avviati al riciclo il 67,5 % degli imballaggi immessi al consumo (8,8 milioni di tonnellate), in crescita del 3,7 % rispetto al 2016, grazie alle 2600 aziende attive nel comparto che, con all’incirca 80 mila dipendenti, hanno coperto 7300 comuni pari al 97 % della popolazione nazionale. Presto avremo i dati anche per il 2018, che auspichiamo essere migliori, ma una cosa è certa: occorre spingere sempre di più in questa direzione. Da un rapporto della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, presentato agli Stati Generali della Green Economy 2018 del novembre scorso, emerge chiaramente come nel prossimo quinquennio si genererebbero circa 440 mila nuovi posti di lavoro (oltre 660 mila con l’indotto) dallo sviluppo di ulteriori misure di sostegno all’economia circolare; quindi di misure volte a:

  1. Prevenire, l’eccessivo consumo di risorse naturali per tutelare gli habitat naturali e la biodiversità;
  2. Recuperare, tutto ciò che può essere reimpiegato promuovendo un sistema economico-produttivo che favorisca ed incentivi il recupero;
  3. Riutilizzare, il bene “scartato” allungandogli la vita e la sua utilità grazie anche all’innovazione tecnologica;
  4. Riciclare, il materiale recuperato reinserendolo nel circuito produttivo e di consumo quante più volte possibile.

Pertanto per favorire ulteriormente l’economia circolare nel nostro Paese stiamo spingendo con un mix di ulteriori interventi da promuovere in maniera combinata sia a livello nazionale che regionale. 

A livello nazionale – oltre a spingere per il recepimento entro luglio del 2020 delle quattro Direttive europee del “pacchetto economia circolare”, che intervengono a migliorare il riciclo di rifiuti urbani, elettrici ed elettronici, imballaggi, veicoli fuori uso e pile per conseguire entro i prossimi 10 anni l’obiettivo di una progressiva dismissione delle discariche a cui potrà essere conferimento un massimo del 10 % dei rifiuti prodotti, e a studiare una riforma del fisco fondata su corposi ecoincentivi – abbiamo recentemente proposto nell’ultima manovra di bilancio:

  1. L’aliquota Iva ridotta al 5% su materie prime, semilavorati e prodotti finiti, derivanti in gran parte dal riciclaggio di rifiuti o di rottami ovvero dal riuso di semilavorati o di prodotti finiti;
  2. Incentivi al reso degli imballaggi delle merci tra fornitore e acquirente attribuendo un credito d’imposta in caso di raccolta separata e deposito in discarica per lo smaltimento degli scarti degli imballaggi usati;
  3. Una detrazione sulle imposte dei redditi per incentivare l’economia circolare.

A livello regionale, dove proprio in questi giorni è in discussione il Testo Unico del Commercio, abbiamo proposto emendamenti per:

  1. Valorizzare la vendita diretta dei prodotti agroalimentari ottenuti con sistemi biologici e biodinamici nonché i prodotti a “filiera corta”, agevolando la presenza diffusa di mercati contadini e spazi dedicati al riuso;
  2. Consentire ad aziende agricole e artigianali la vendita diretta di parte delle loro produzioni incentivando quelle che riutilizzano materiali di scarto;
  3. Promuovere e rilanciare la piccola distribuzione, gli esercizi di vicinato, i mercati locali, rionali e del riuso per contrastare il predominio della grande distribuzione.

Un mix di interventi utili a sostenere e valorizzare la produzione e il commercio di tutti quei prodotti che difendono i territori, la biodiversità, il patrimonio ambientale, le tradizioni storico culturali, i beni comuni e che pertanto sono frutto di riciclo, recupero, rigenerazione, riuso, risparmio energetico, consumo critico e solidarietà sociale. Questa è l’economia che ci piace e che vogliamo come M5S sostenere a tutti i livelli di Governo perché crea ricchezza per tutti e non distrugge il nostro ambiente, l’unico che abbiamo.

Di Roberta Lombardi e Carla Ruocco

Ecco l’articolo del 25 novembre 2016 su Il Blog delle Stelle: L’Economia circolare per garantirci il futuro #bilanciodicittadinanza

L’articolo ECONOMIA CIRCOLARE: COSA STIAMO FACENDO sembra essere il primo su Roberta Lombardi Cittadina.



FONTE : Roberta Lombardi Cittadina

Potrebbe interessarti anche: