Dopo 40 anni il primo passo sulle servitù militari in Sardegna

Di Il Blog delle Stelle:

porto Tramatzu

DOPO 40 ANNI IL PRIMO PASSO SULLE SERVITÙ MILITARI: guardate questo video….Oggi è una giornata simbolica, una giornata simbolica per tutti i sardi e non solo, perché per la prima volta abbiamo avviato una riduzione dello spazio assegnato alle servitù militari, cedendo definitivamente la spiaggia di Porto Tramatzu ai cittadini.Per la prima volta, la Difesa parla di bene comune e lavora perché quel bene comune possa essere reso disponibile per tutti, in maniera inclusiva: sia militari, sia civili. Abbiamo compiuto un passo in avanti, ereditando un accordo firmato nel 2017, un accordo che ho ritenuto positivo e che comunque si può migliorare, perché tutto è migliorabile, per questo pensiamo a un upgrade che concretizzeremo nelle prossime settimane.Ad ogni modo oggi la splendida spiaggia di Porto Tramatzu torna ai cittadini e questo è ciò che conta!Questa è una grande vittoria di tutti, una vittoria dell’Italia come Paese!

Pubblicato da Elisabetta Trenta su Martedì 8 gennaio 2019

Oggi è una giornata simbolica, una giornata simbolica per tutti i sardi e non solo, perché per la prima volta abbiamo avviato una riduzione dello spazio assegnato alle servitù militari, cedendo definitivamente la spiaggia di Porto Tramatzu ai cittadini.

Per la prima volta, la Difesa parla di bene comune e lavora perché quel bene comune possa essere reso disponibile per tutti, in maniera inclusiva: sia militari, sia civili.

Abbiamo compiuto un passo in avanti, ereditando un accordo firmato nel 2017, un accordo che ho ritenuto positivo e che comunque si può migliorare, perché tutto è migliorabile, per questo pensiamo a un upgrade che concretizzeremo nelle prossime settimane.

Ad ogni modo oggi la splendida spiaggia di Porto Tramatzu torna ai cittadini e questo è ciò che conta!

Questa è una grande vittoria di tutti, una vittoria dell’Italia come Paese!

L’articolo Dopo 40 anni il primo passo sulle servitù militari in Sardegna proviene da Il Blog delle Stelle.



FONTE : Il Blog delle Stelle