Discariche Ex Resit e area vasta di Giugliano in Campania. Stato di aggiornamento delle procedure di bonifica

Di Salvatore Micillo:

La relazione seguente è stata redatta sulla base della relazione di sintesi del Commissario di Governo delegato Mario Pasquale De Biase per gli interventi urgenti di messa in sicurezza e bonifica delle aree di Giugliano in Campania e dei Laghetti di Castelvolturno ‘Interventi urgenti di messa in sicurezza e bonifica delle aree di Giugliano in Campania e del Laghetti di Castelvolturno. Relazione di sintesi sulle attività svolte’.

Le aree oggetto del presente appunto e degli interventi di bonifica sotto la competenza del Commissario di Governo Mario Pasquale De Biase ricadevano le aree sono rientrate nella gestione ordinaria della Regione Campania in materia di bonifica dei siti contaminati. Con Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri è stato disposto che il Commissario Delegato Mario Pasquale De Biase dovesse provvedere alla realizzazione degli interventi urgenti di messa in sicurezza e bonifica dei siti contaminati e delle discariche dell’area vasta di Giugliano e Castelvolturno, avvalendosi della azienda Sogesid SpA quale soggetto attuatore e stazione appaltante degli interventi.

Per procedere con gli interventi, è stata stipulata la Convenzione tra Ministero dell’Ambiente-Sogesid-Regione Campania e Commissario Delegato per un valore totale degli interventi di 39.500.000 Euro. Tali fondi sono relativi ai finanziamenti FAS (ex Fondi per le Aree Sottoutilizzate, oggi Fondi Sviluppo e Coesione).

Messa in sicurezza di Emergenza della Discarica EX Resit di Giugliano in Campania.

La discarica Ex Resit è definita “Fonte di inquinamento e possibile danno ambientale” secondo quanto riportato nelle perizie del C.T.U. del Tribunale di Napoli e posta sotto sequestro giudiziario. A seguito della attività di caratterizzazione dell’area vasta Masseria del Pozzo – Schiavi in Giuliano in Campania, eseguita da ARPA Campania, è stato presentato ed approvato il progetto di Messa in Sicurezza di emergenza della Discarica Ex Resit per un importo totale dei lavori di 5.760.188 Euro. In luglio 2019 i lavori di bonifica risultano completati e la discarica Ex Resit è messa in sicurezza.

Messa in sicurezza di Emergenza della Discarica in località Masseria del Pozzo.

La discarica in località Masseria del Pozzo è definita “fonte di inquinamento e possibile danno ambientale” secondo quanto riportato nelle perizie del C.T.U. del Tribunale di Napoli e posta sotto sequestro giudiziario. Dopo varie fasi approvative e due conferenze di servizi, a seguito di una “Variante sostanziale” che ha comportato la revisione del progetto esecutivo, tale progetto è in fase di verifica finale per la sua approvazione, pertanto ad oggi non sono ancora iniziati i lavori di messa in sicurezza di emergenza. L’importo finale di aggiudicazione dei lavori di bonifica è di 5.421.090 Euro. viene presentato il progetto preliminare di Messa in sicurezza di emergenza, per un importo totale dei lavori di Euro 10.052.684,57. Ottobre 2018: lo stralcio del progetto esecutivo è tuttora in fase di verifica finale per l’approvazione. La relazione di sintesi del Commissario delegato di Governo responsabile per gli interventi di messa in sicurezza e bonifica non indica quale soggetto stia effettuando la verifica (“Ad oggi, il progetto esecutivo Stralcio, adeguato alle prescrizioni, è attualmente in verifica finale per la sua approvazione. L’esecuzione del MISE della restante area di discarica, Ampliamento Masseria del Pozzo (II Stralcio), sarà trasferita alla Regione Campania…”)

Messa in sicurezza di Emergenza della Discarica Novambiente srl

La discarica Novambiente srl, immediatamente a sud della discarica di località Masseria del Pozzo, è definita “Fonte di inquinamento e possibile danno ambientale” secondo quanto riportato nelle perizie del C.T.U. del Tribunale di Napoli. L’importo finale di aggiudicazione dei lavori di bonifica è di 7.724.732 Euro. Allo stato (ultimo aggiornamento da parte del Commissario di Governo), il Commissario di Governo Delegato Dott. Mario P. De Biase è in attesa di ricevere il progetto esecutivo, validato da parte di Sogesid S.p.A., soggetto attuatore degli interventi, per dare avvio alla esecuzione dei lavori e pertanto non risultano iniziati i lavori di messa in sicurezza di emergenza. La società affidataria (Treerre Recupero Riciclaggio Riutilizzo S.p.A.) presenta il progetto definitivo che raccoglie le prescrizioni della Conferenza di Servizi Tale progetto viene approvato dalla stazione appaltante Sogesid SpA.

Area Denominata San Giuseppiello – Progeto di ricerca di ripristino ambientale

L’area “San Giuseppiello” è il terreno agricolo di proprietà della famiglia Vassallo, sottoposta a sequestro da parte della autorità giudiziaria. Nel luglio 2015 è stato approvato un progetto di ricerca (LIFE-ECOREMED) che prevedeva l’applicazione della tecnologia di bonifica di Phytoremediation, che sfrutta l’attività biologica delle piante per il risanamento ambientale. La riqualificazione è iniziata ed è tuttora in corso. L’importo totale dell’intervento è di 836.250 Euro A tale progetto è stato affiancato, in settembre 2015, un secondo progetto pilota, tuttora in corso, redatto dal CIRAM e che prevede l’utilizzo della tecnica di air stripping finalizzata all’uso irriguo delle acque di falda contaminate da COV (composti organici volatili, quali ad esempio idrocarburi, aldeidi, eteri, alcool, clorofluorocarburi, ecc..).

Guarda l’intervista su www.puntomagazine.it



FONTE : Salvatore Micillo