Del Re al seminario sulle donne nei processi di pace

Del Re al seminario sulle donne nei processi di pace

peri13

La Viceministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, ha aperto alla Farnesina i lavori del Seminario di Alto Livello “Rafforzare la partecipazione delle donne nei processi di pace. Quali ruoli e responsabilità per gli Stati Membri?”, organizzato da UN Women in collaborazione con l’Italia. Alla sessione inaugurale sono intervenute anche la Vice Segretaria Esecutiva di UN Women, Asa Regner e il Premio Nobel per la Pace, Leymah Gbowee.

Nel suo intervento, la Viceministra ha ricordato come nei principali processi di pace tra il 1990 e il 2017 le donne abbiano rappresentato solo il 3% dei mediatori, il 13% dei negoziatori e il 4% dei testimoni e dei firmatari. “Queste statistiche non sono incoraggianti”, ha commentato Del Re. “L’Italia – ha continuato la Viceministra Del Re – include la partecipazione delle donne ai processi di pace tra gli obiettivi del suo Terzo Piano d’Azione Nazionale su Donne, Pace e Sicurezza, adottato nel 2016: ci assicureremo che anche il Quarto Piano d’Azione Nazionale contenga disposizioni simili.”

La Viceministra ha inoltre annunciato che l’Italia aderirà all’Impegno 2025 per l’inclusione delle donne nei processi di pace, lanciato di recente da Spagna e Finlandia e ha ricordato che l’Italia ha già espresso il suo sostegno alla call to action del Segretario Generale delle Nazioni Unite sul tema, in occasione del Dibattito Aperto in Consiglio di Sicurezza su Donne, Pace e Sicurezza dello scorso ottobre. La Cooperazione Italiana, inoltre, sostiene iniziative per prevenire la violenza di genere e per proteggere le vittime di abusi, oltre che per garantire l’istruzione e altri strumenti che permettano alle donne di diventare “agenti di cambiamento” e costruire comunità resilienti.

Al seminario, ospitato alla Farnesina il 3 e il 4 dicembre, partecipano circa 130 rappresentanti di Stati e Organizzazioni internazionali, membri del Parlamento italiano, think tank e università. Sono presenti inoltre le esponenti del Network delle Donne Mediatrici del Mediterraneo, lanciato a Roma dall’Italia nel 2017, oltre che rappresentanti di altri Network regionali di mediatrici. La loro presenza a Roma rappresenta un ponte tra questa iniziativa e i MED Dialogues che si aprono a Roma giovedì e che ospiteranno il terzo Women’s Forum. 



dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale:

FONTE : Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale