Crippa in audizione in Commissione Parlamentare

Dal Ministero dello Sviluppo Economico:

Martedì, 30 Luglio 2019

Smantellamento degli impianti nucleari, tavolo tecnico permanente e massima attenzione ai rifiuti radioattivi

Il Sottosegretario Crippa

Il Sottosegretario Davide Crippa è stato audito oggi in Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, per aggiornare sul lavoro portato avanti sulle attività relative al decommissioning nucleare, alla gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, che svolge un ruolo di coordinamento tra i Ministeri dell’Ambiente, dell’Interno, del Lavoro, della Salute, dei Trasporti e le Regioni e gli enti locali interessati, ha costituito un tavolo permanente per il monitoraggio delle attività di decommissioning degli impianti nucleari della SOGIN. La sinergica collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, l’ISIN, l’ARERA e la SOGIN ha lo scopo di monitorare lo stato autorizzativo ed esecutivo delle attività e di trovare soluzioni condivise alle problematiche riscontrate.

“La gestione sicura dei rifiuti radioattivi e del combustibile esaurito nel nostro Paese costituisce un tema di grande rilevanza, cui il Ministero dello Sviluppo Economico dedica la massima attenzione, anche attraverso un lavoro di confronto costante con gli altri dicasteri interessati e gli enti territoriali. Questo Governo – ha dichiarato il Sottosegretario con delega all’energia Crippamette al primo posto la necessità di preservare la salute di cittadini e lavoratori, nonché la qualità dell’ambiente dal rischio di esposizione alle radiazioni ionizzanti, cercando di assicurare l’adozione delle necessario soluzioni, senza più ingiustificati ritardi, che scongiurino l’indebito trasferimento alle future generazioni dell’onere di gestione dei rifiuti radioattivi oggi presenti”.

Finora, lo stato di avanzamento del decommissioning è stato lento, principalmente a causa di diverse criticità dell’intero processo autorizzativo. Adesso, si sta procedendo con maggiore rapidità verso soluzioni condivise che conducono in modo chiaro e trasparente ad una gestione responsabile e sicura del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti radioattivi provenienti dalla pregressa gestione nucleare, nonché quelli derivati dalle attività industriali, di ricerca e di medicina nucleare.

“Con la prossima approvazione del Programma Nazionale e la pubblicazione della CNAPI si potrà dare un’accelerazione al processo di approvazione e di costruzione del Deposito Nazionale – ha concluso il Sottosegretario Crippa. Il Governo, anche per garantire il rispetto di accordi internazionali, è inoltre a lavoro per creare le condizioni dello smaltimento dei rifiuti radioattivi di alta attività attraverso la stipula di accordi con Paesi esteri, previa opportuna analisi costi/benefici delle alternative percorribili”.



FONTE : Notizie