Così abbiamo messo una pedana per i disabili sulla spiaggia – #StorieGuerriere

#StorieGuerriere è la rubrica del Blog delle Stelle dedicata alle iniziative portate avanti in questi anni da attivisti e portavoce locali del MoVimento 5 Stelle che hanno generato risultati positivi concreti e tangibili per il loro territorio o per i cittadini che lo abitano. L’impegno e la generosità di cittadini attivi che hanno portato un valore aggiunto per il nostro Paese.


a cura di Ornella Ghisu e del meetup Gonnesa a 5 Stelle:

“La sola cosa necessaria è questa: deve sgorgare dal cuore, solo allora raggiunge…..”

Pubblicato da Meetup Gonnesa a Cinque Stelle su Venerdì 14 settembre 2018

La nostra storia guerriera nasce con lo scopo di raccogliere fondi per l’acquisto di una pedana mobile modulare specifica per consentire il passaggio di disabili dal parcheggio all’arenile/battigia di Plage e Mesu (Spiaggia di Mezzo), con conseguente atto di donazione della stessa al Comune di Gonnesa.

• IL PROBLEMA 

Il nostro paese Gonnesa, 5mila anime circa, nel profondo sud della Sardegna ha un bellissimo mare con circa 4km di spiagge, le tre spiagge Portu Pala, Plage e Mesu e Funtanamare nessuna di queste dotate di ausili per chi ha difficoltà di deambulazione sia permanente che temporanea.

• L’INIZIATIVA

Così nasce l’idea di creare un evento sportivo dal titolo “Quando il mare è per tutti. The night of the stars in Sardinia” – 1° Edizione Trofeo Gonnesa dedicato agli sport da combattimento – Muay Thai”.

Lo sport che accomuna, lo sport come disciplina, lo sport come “mezzo” che accomuna e aggrega.

Tra un match sportivo e l’altro, la serata è stata allietata con interventi musicali di artisti locali, i quali hanno dato gratuitamente  il loro contributo.

Con una capillare e costante comunicazione sui social e a livello locale, volantinaggio, passa parola, brochure, si invitava a fare anche una piccola donazione.

• IL RISULTATO

Con le donazioni pervenute e come gruppo Meetup Gonnesa a Cinque Stelle siamo riusciti ad acquistare 50mt lineari di “pedana mobile modulare” a fronte di un totale di circa 70mt lineari che occorrevano per arrivare dal parcheggio alla battigia. Altro risultato raggiunto e inaspettato è che il Responsabile del Servizio della nostra Amministrazione considerando valido l’acquisto ha predisposto con una determina l’acquisto della restante parte.

COSA SERVE PER REPLICARE L’INIZIATIVA?

L’iter burocratico è stato lungo e non facile per quanto riguarda tutte le autorizzazioni da produrre per l’evento:

1) richiesta protocollata di patrocinio gratuito a Sindaco, Assessore al Turismo, all’Assessore allo Sport con richiesta che l’evento fosse inserito all’interno delle manifestazioni estive che, vista la data del 21 luglio 2018, sarebbero state in pieno svolgimento. Purtroppo non ci hanno mai risposto;
2) richiesta protocollata al Sindaco alla Polizia Locale di autocertificazione e pianificazione degli aspetti di Safety e Security (Legge Gabrielli);
3) pagamento della tassa SIAE per Intrattenimenti dal vivo;
4) richiesta protocollata al Sindaco per la disponibilità della Compagnia Barracellare per la sicurezza e l’ordine pubblico;
5) dichiarazione della fornitura di alimenti per la serata da parte del ristorante che ha preparato una ottima “gnochettata”.

Siamo felicissimi di esserci sentiti utili per la nostra comunità e di aver potuto dare il nostro piccolo contributo. Abbiamo in mente e stiamo progettando un’altra iniziativa e speriamo di poter contare sul supporto di sempre più cittadini attivi.

L’articolo Così abbiamo messo una pedana per i disabili sulla spiaggia – #StorieGuerriere proviene da Il Blog delle Stelle.



Di Il Blog delle Stelle:

FONTE : Il Blog delle Stelle