Cavallino (Le), sopralluogo nell’impianto di trattamento amianto. M5S: “Struttura realizzata senza Autorizzazione Unica”

Nei giorni scorsi il senatore del Movimento 5 Stelle Iunio Valerio Romano, i consiglieri regionali Cristian Casili e Antonio Trevisi e i consiglieri comunali di Lizzanello Antonio Parlangeli e di Cavallino Giampaolo Falco hanno effettuato un sopralluogo l’impianto sperimentale di trasformazione di manufatti in cemento-amianto a Cavallino. 

“Durante la visita è stato constatato che, non solo l’impianto è già stato realizzato, ma sarebbero state fatte delle prove di messa in funzione, utilizzando del calcestruzzo. Tutto ciò desta perplessità, dal momento che per il progetto non sarebbe stata ancora rilasciata l’Autorizzazione Unica dalla Provincia di Lecce. Di fatto – spiegano i pentastellati – esiste solo una SCIA, presentata allo Sportello Unico delle Attività Produttive di Cavallino circa sei mesi prima della richiesta alla Provincia. Purtroppo registriamo ancora una volta la totale assenza del Comune di Cavallino: nel corso del  Consiglio Comunale dello scorso 11 novembre, infatti, il sindaco incalzato dal M5S si è limitato a dire di non sapere ancora se e quando l’Ufficio Tecnico effettuerà un sopralluogo, comunque richiesto, per verificare lo stato dei luoghi e che l’amministrazione non ha al momento nient’altro da dire o disporre con urgenza”. 

In attesa che il Tar si pronunci sul ricorso presentato da alcuni cittadini contro la realizzazione dell’impianto, il consigliere Falco ha proceduto con una segnalazione alle autorità competenti.



Di MOVIMENTO 5 STELLE Puglia:

FONTE : MOVIMENTO 5 STELLE Puglia