Casa: Lombardi (M5S), “Bene Campidoglio su affitti alloggi popolari al 4,5%. Grande risultato di un lavoro congiunto”

Comunicati Stampa

Roma, 24 marzo – “Apprendo con piacere che il Comune di Roma ha emanato un provvedimento con il quale si prevede che il canone di locazione degli alloggi realizzati all’interno dei Piani di Zona non possa superare il 4,5% del prezzo massimo di cessione individuato in base ai criteri convenzionali. Un ottimo risultato raggiunto grazie al lavoro sinergico tra il Comune e la Commissione Speciale sui Piani di Zona della Regione Lazio che già nell’ottobre 2019, al termine di un incontro congiunto, su mia proposta aveva iniziato il suo iter su questo particolare aspetto”. Così la consigliera regionale M5S del Lazio, Roberta Lombardi, presidente della Commissione Speciale sui Piani di Zona. “Con l’approvazione, da parte del Consiglio Regionale, di un emendamento firmato da me e dal consigliere Devid Porrello, con il quale si chiedeva che i bandi destinati ad imprese e cooperative di abitazione del programma sperimentale denominato ‘20.000 abitazioni in affitto’, fruenti dei contributi statali, prevedessero che i canoni di locazione fossero a prezzi agevolati e non di mercato, si sono create le condizioni per dare l’input a questa direttiva. La legge nazionale n.21 del 2001 dà discrezionalità alle regioni di applicare o meno il limite del 4.5%, e la Regione Lazio – spiega Lombardi – aveva interpretato il bando di finanziamento per i 20.000 alloggi senza tener conto della finalità pubblica degli immobili”. “Con la nostra proposta si è voluto chiarire questo aspetto fondamentale, dando così una corretta interpretazione del bando di finanziamento. Grazie all’emendamento approvato, il Comune di Roma ha potuto utilizzare questa norma, facendo la direttiva e rendendola retroattiva proprio in funzione della finalità pubblica dei finanziamenti. Un lavoro che ad oggi nessuno aveva mai avuto il coraggio di affrontare e che è stato il problema di centinaia di famiglie sotto sfratto nei Piani di Zona convinte di avere una casa in edilizia economica popolare e che invece si sono viste applicare canoni di locazione vicino ai prezzi di mercato addirittura senza che venissero scomputati i finanziamenti pubblici”, conclude Lombardi.



Di M5S Lazio:

FONTE : M5S Lazio