CALL CENTER: QUANDO GLI OPERATORI SONO PAGATI SOLO PER I MINUTI EFFETTIVI

Di Tiziana Ciprini:

Nel marzo dello scorso anno è stato siglato tra l’Ugl Terziario e Assocall il contratto collettivo nazionale per circa quarantamila collaboratori telefonici in modalità outbound (in uscita), dei call center in ‘approvvigionamento esterno’.
Il Ccnl, che scadrà nel 2021, individua specifici profili professionali con i quali è possibile stipulare contratti di collaborazione coordinata e continuativa, definendone anche il relativo trattamento economico e normativo: il compenso orario minimo di riferimento è fissato nella misura di 6,50 euro fino al 31 marzo 2019, di 7,30 euro fino al 31 marzo 2020 e di 8 euro fino alla scadenza del contratto.

Nonostante il costo del lavoro sia stato parametrato non alla quantità effettiva di minuti in cui l’addetto è al telefono, ma prendendo in considerazione anche le pause e i cosiddetti tempi di ‘inattività’ in cui l’operatore non è in comunicazione con il cliente, alcune imprese di call center applicano in maniera discutibile il Ccnl, calcolando il pagamento delle ore lavorative sulla base dei soli minuti trascorsi al telefono o in operazioni al computer strettamente correlate.

In sintesi, secondo questa interpretazione, un’ora ‘produttiva’ ovvero la somma di tempo di reale conversazione ai fini della maturazione della retribuzione, avverrebbe solo in base ai minuti effettivi. Il fenomeno purtroppo non è nuovo, tanto da essere denunciato anche dalla stampa nazionale, descrivendo un vero e proprio sfruttamento selvaggio.

A tale proposito, ho presentato un’interrogazione al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali al fine di promuovere iniziative ispettive e opportune verifiche sul territorio.

È necessario garantire agli operatori dei call center il rispetto della giusta retribuzione, affinché la loro posizione venga adeguatamente tutelata e non si continui a speculare sulla pelle di questi lavoratori.

Link all’interrogazione:

https://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=5%2F02096&ramo=CAMERA&leg=18&fbclid=IwAR2o7n3clMXJ6RcrTbbWkskxGDWLAI49snG6cqijh0JRNhlN21HnYUfgvG0

L’articolo CALL CENTER: QUANDO GLI OPERATORI SONO PAGATI SOLO PER I MINUTI EFFETTIVI sembra essere il primo su Tiziana Ciprini.



FONTE : Tiziana Ciprini