Aumenti Trenord: il M5S non ci sta, mozione urgente, volantinaggio e raccolta firme

Di Massimo De Rosa:

Lunedì mattina il M5S Lombardia ha avviato la campagna “Aumenti Trenord: il M5S non ci sta” con un volantinaggio e una petizione. Domani sarà presentata una mozione urgente in Consiglio regionale.

I consiglieri regionali Simone Verni, Massimo De Rosa e Nicola Di Marco si sono confrontati con viaggiatori e pendolari presso la stazione di Lambrate. Nel volantino si legge: “Aumenti Trenord: il M5S non ci sta. La colpa è della Lega”, “la Regione leghista ha deciso di far “fare cassa” a Trenord, i cui servizi però rimangono sotto il limite della decenza”

Verni spiega: “Il M5S chiede alla Regione Lombardia lo stop immediato degli aumenti tariffari dei titoli di viaggio e la revisione della Delibera regionale XI/2088 che ha comportato il consistente aumento dei costi dei titoli di viaggio per gli utenti che utilizzano i soli servizi ferroviari. Domani depositeremo una  mozione urgente in consiglio regionale”

La mozione chiede di  sospendere la previsione contenuta nella Deliberazione XI/2088 relativa alla eliminazione, a partire dal prossimo ottobre, dei titoli di viaggio solo treno individuando, al contempo, modalità meno impattanti per l’utenza” e di “convocare, quanto prima, la Conferenza regionale del trasporto pubblico locale per concertare, con tutti gli attori coinvolti, i prossimi passaggi relativi all’integrazione tariffaria”.

“Saremo mobilitati nelle stazioni ferroviarie e nei gazebo per informare i pendolari e raccogliere le loro firme. L’aumento delle tariffe porta soldi nelle casse di Trenord e nessun vantaggio per i pendolari. L’Assessore regionale Claudia Maria Terzi e Regione Lombardia facciano il loro dovere e l’interesse di chi usa il trasporto pubblico”, conclude Verni.

È possibile firmare la petizione del M5S anche online sul sito Change.org all’indirizzo http://chng.it/Rstcj7X8Z8











 

L’articolo Aumenti Trenord: il M5S non ci sta, mozione urgente, volantinaggio e raccolta firme proviene da Massimo De Rosa.



FONTE : Massimo De Rosa