Assestamento e variazione di bilancio 2019. M5S: “Manca una visione”. Perchè si prevedono 3 miliardi in meno di entrate? ”

Nota dei consiglieri del M5S su assestamento e variazione di bilancio 2019

“I numeri del bilancio sono emblematici della situazione che vivono i pugliesi e confermano che il problema principale è il lavoro, perché la Regione non spende in settori strategici per creare occupazione. Tornano anche gli interventi su Arif e Consorzi, che  come solito non risolvono i problemi dei servizi erogati ad agricoltori e cittadini e la precarietà per i dipendenti. Non abbiamo ancora avuto risposte dall’assessore Piemontese sull’ articolo 3 comma 2 della Variazione di Bilancio, secondo cui lo stato di previsione delle entrate viene diminuito di quasi 3 miliardi di euro, che vuole dire meno investimenti e spese per i cittadini. Perché questa diminuzione? Aspettiamo e speriamo in un chiarimento martedì  Quello che manca è una visione strategica della Puglia e operare in emergenza ha portato al fallimento dei settori come rifiuti, sanità e agricoltura, vitali per la Regione. In campagna elettorale Emiliano aveva promesso in sei mesi una legge sull’economia circolare e i rifiuti zero. Noi quella legge  l’abbiamo presentata, ma è stata bocciata pur essendo stata definita buona dallo stesso assessore all’ambiente. Ci è stato detto che sarebbe stata messa nel Piano dei rifiuti, ma arrivati a fine legislatura non si sa dove sia. Abbiamo presentato leggi che hanno tutte un obiettivo: creare lavoro riducendo inquinamento e ora auspichiamo che quelle approvate diventino operative con i regolamenti della Giunta e altre, come quella per la moneta complementare arrivino al più presto in aula vista anche la spinta all’economia nelle regioni in cui è diventata realtà. Avrebbe creato nuova occupazione in agricoltura la spesa del PSR, gestito invece in modo fallimentare. Parliamo del peggior fallimento  per la Puglia in quello che un settore strategico per permettere ai giovani di restare qui e non andare via. Per non parlare di sanità: destra e sinistra hanno votato in quest’aula per aumentare gli stipendi dei Direttori Generali delle Asl. Per quello le risorse sono state trovate, mentre si chiede ai pugliesi di rinunciare a ospedali e posti letto per risparmiare. Nell’assestamento ci sono anche interventi per il sisma del 2002, per cui dal 2015 chiediamo una ricostruzione e rendicontazione puntuale. Passati 4 anni i documenti non sono ancora arrivati in Commissione e, a causa della mancata rendicontazione da parte della Regione, in Parlamento non è stato neanche possibile presentare emendamenti al “decreto sisma” per concedere fondi ai Comuni colpiti.  Siamo felici che grazie a noi siano stati previsti 75000 euro per i CSV pugliesi, quattro  realtà che uniscono le associazioni di volontariato di tutta la regione, svolgendo attività importanti, in tanti casi sostituendo anche le istituzioni. Ora attendiamo di conoscere gli emendamenti presentati anche dalle altre forze politiche e di capire se ci saranno mancette in vista della prossima campagna elettorale. Quando si parla di quelle destra e sinistra vanno sempre a braccetto”



Di MOVIMENTO 5 STELLE Puglia:

FONTE : MOVIMENTO 5 STELLE Puglia