Ampliamento Logistic & Trade. Galante a Borraccino: “Valutare adeguatamente impatti ambientali e sanitari”

Di MOVIMENTO 5 STELLE Puglia:

Il consigliere del M5S Marco Galante ha inviato una lettera all’assessore alle Sviluppo Economico Cosimo Borraccino per chiedere di eseguire le dovute verifiche e gli approfondimenti sull’ampliamento della capacità di trattamento di rifiuti plastici dell’impianto di proprietà della ditta Logistic & Trade a Ginosa. 

“È necessario garantire – spiega Galante –  che nel procedimento in atto siano valutati adeguatamente gli impatti ambientali e sanitari del progetto, in particolare sull’entità del rischio di ricadute sulla salute dei cittadini. La risposta dell’assessore fa ben sperare su un immediato intervento da parte degli uffici regionali competenti per monitorare con estrema attenzione l’evolversi della situazione. Purtroppo ancora una volta si è creata una contrapposizione tra l’interesse a tutelare la salute dei cittadini e il diritto al lavoro, il triste risultato di una gestione sbagliata da parte delle vecchie amministrazioni comunali”.

Nella lettera vengono evidenziate le criticità rilevate in merito al Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale. Dalla documentazione integrativa prodotta dalla società proponente durante la Conferenza dei Servizi, si evince chiaramente che il quantitativo di rifiuti plastici da trattare sarà innalzato del 180%, passando dalle 100 mila t/a attuali alle 280 mila t/a proposte. Questo dato, seppure inferiore a quello inizialmente voluto che prevedeva una potenzialità impiantistica pari addirittura a 480 mila t/a, in ogni caso non rispecchierebbe la chiara volontà da parte del territorio, soprattutto dal punto di vista della sicurezza ambientale e sanitaria. La stessa ARPA, infatti, ha rilevato una serie di criticità in merito all’impatto ambientale evidenziando, in particolare, come nella proposta manchi un idoneo livello di approfondimento sia sul piano metodologico che sostanziale.

“Continuerò a seguire la questione – spiega Galante –  per accertarmi che vengano svolte tutte le indagini necessarie. L’obiettivo – conclude – è tutelare la salute dei cittadini di un territorio, quale quello jonico, già fortemente compromesso da un punto di vista ambientale, ma senza precludere ai lavoratori la necessità di proseguire la loro attività professionale”.   



FONTE : MOVIMENTO 5 STELLE Puglia