Al Mise il tavolo su Invatec

Dal Ministero dello Sviluppo Economico:

Mercoledì, 31 Luglio 2019

Sorial: “Passi in avanti. Verso una scelta decisiva per la reindustrializzazione e la salvaguardia dei lavoratori”

Immagine decorativa

Si è svolto oggi al MiSE il tavolo di monitoraggio sull’azienda Invatec S.p.A. del gruppo Medtronic, inerente le prospettive occupazionali e produttive degli stabilimenti di Roncadelle e Torbole Casaglia (BS). Al tavolo, presieduto dal Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial, hanno partecipato i rappresentanti dell’azienda, della Regione Lombardia, della società di advising Vertus e le sigle sindacali.

L’advisor ha informato che sono state presentate due offerte non vincolanti da parte di aziende del settore dei dispositivi medici, interessate a investire nei siti. A tal riguardo l’azienda ha comunicato che l’obiettivo è quello di sottoscrivere una lettera di intenti entro fine agosto per poi procedere alla firma dell’accordo definitivo entro il mese di ottobre. I criteri sulla base dei quali i progetti verranno valutati sono il miglior piano di reindustrializzazione e la garanzia del mantenimento dei livelli occupazionali.

Nel corso della riunione la Medtronic ha sottolineato che, per poter gestire la fase di reindustrializzazione, sarà necessaria l’attivazione degli ammortizzatori sociali.

Il Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial ha dichiarato: “Sono stati fatti passi in avanti rispetto all’incontro precedente, per questo motivo c’è la necessità di valutare con molta attenzione le offerte presentate per gli stabilimenti bresciani del gruppo Medtronic. Il tavolo di oggi è fondamentale per il percorso di reindustrializzazione, che dovrà garantire la salvaguardia del maggior numero di lavoratori coinvolti.  Per il Ministero è fondamentale che si segua una roadmap ben pianificata delle attività delle prossime settimane, per questo motivo il tavolo è riconvocato a partire da metà settembre per presentare ufficialmente l’investitore identificato per la reindustrializzazione del sito ed il piano industriale e poter discutere insieme il futuro dell’attività produttiva e la salvaguardia dei lavoratori.”




FONTE : Notizie