Al MiSE il tavolo di monitoraggio sullo stabilimento di Vittuone della ABB S.p.A.

Dal Ministero dello Sviluppo Economico:

Martedì, 12 Marzo 2019

Illustrato l’andamento produttivo degli 11 stabilimenti italiani

Immagine decorativa

Si è svolto oggi al Ministero dello Sviluppo Economico il tavolo sullo stabilimento Asea Brown Boveri S.p.A. di Vittuone (MI), presieduto dal Vicecapo di Gabinetto Giorgio Sorial, a cui hanno partecipato i rappresentanti dell’azienda, della Regione Lombardia, di Assolombarda e delle sigle sindacali.

Nel corso dell’incontro è stato illustrato l’andamento produttivo degli 11 stabilimenti italiani, con particolare attenzione ai vari settori di sviluppo.

L’azienda ha dichiarato di voler aderire alle linee indicate da impresa 4.0 che implicano una maggiore strategicità e competitività sui mercati, nazionali e internazionali. Per questo motivo la ABB starebbe prevedendo investimenti per dare maggiore impulso a settori strategici come l’automazione industriale, l’elettrificazione e la digitalizzazione.

In questa ottica è in atto una ristrutturazione che vede lo spostamento della produzione di generatori di trazione e motori a media e piccola tensione in altri siti, con la conseguente trasformazione dello stabilimento di Vittuone in unità di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie.

Durante la riunione è stata espressa preoccupazione per il futuro di quella che viene considerata un’importante realtà industriale e rappresenta un patrimonio economico italiano che, nel corso degli anni, ha già subito riduzioni di personale. Per contrastare questa tendenza, è stato espressamente chiesto ai vertici aziendali di investire sulle politiche industriali e rimettere al centro la produzione nel nostro Paese.

“Il Ministero dello Sviluppo Economico è impegnato a monitorare attivamente l’andamento di questa vertenza aziendale. La ABB è un gruppo industriale strategico e di fondamentale importanza per l’economia del Paese, un vero fiore all’occhiello. Per questo motivo ritengo che sia doveroso soppesare attentamente le decisioni di oggi che potranno preservare o meno i livelli occupazionali e il futuro del sito produttivo. Ritengo necessario rivalutare la strategicità industriale del sito di Vuittone e attribuirgli le prospettive di sviluppo che oggi mancano, decidendo insieme gli investimenti da fare nei prossimi 36 mesi e coadiuvare l’elaborazione di un piano per lo sviluppo dei siti produttivi” – ha dichiarato il Vicecapo di Gabinetto Giorgio Sorial.

Il tavolo rimane aperto per consentire a sindacati e azienda un confronto sulle sorti dello stabilimento di Vuittone e la salvaguardia dei posti di lavoro. Il prossimo incontro sarà convocato per i primi giorni di aprile.




FONTE : Notizie