17 Paesi nel mondo rischiano di restare senza acqua

Di Il Blog di Beppe Grillo:

Quasi un quarto della popolazione mondiale vive in paesi in cui si è al limite delle risorse idriche. In 17 stati, dove risiede il 25% della popolazione del pianeta, l’agricoltura, l’industria e le città irrigate consumano l’80% o più della superficie e dell’acqua dolce sotterranea disponibile ogni anno. Ciò significa che i paesi, in particolare quelli con meno entrate, sono molto più esposti a gravi restrizioni nei periodi di siccità e quindi si avvicinano a quello che è stato chiamato “zero day” per alcuni anni: quando i rubinetti non erogheranno più acqua perché semplicemente non ne rimane nelle riserve.

Il World Resources Institute (WRI) ha aggiornato la sua classifica di stress idrico e ha presentato gli ultimi risultati ieri. Le regioni più colpite, sono il Nord Africa e il Medio Oriente. Tale classificazione è guidata dal Qatar, seguita da Israele, Libano, Iran, Giordania, Libia e Kuwait.

Secondo il rapporto WRI, la zona più colpita è l’India, dove la sesta città per numero di abitanti, Chennai, solo poche settimane fa è rimasta senza acqua. L’India, con 1,3 miliardi di abitanti, è classificata 13esima nella classifica dello stress idrico ed è anche a rischio estremamente elevato. “Lo stress idrico è la più grande crisi di cui nessuno parla”, ha dichiarato Andrew Steer, amministratore delegato della WRI.

Di seguito la tabella del World Resources Institute. Tra i 17 paesi che vivono il rischio maggiore di stress idrico c’è San Marino. E l’Italia al 44esimo posto, con un grado di gravità elevato.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo