🔴PIANO DI BONIFICA DALL’AMIANTO: 385 MILIONI IN TUTTA ITALIA

FRIULI_VENEZIAGIULIA-bonifica-amianto

L’Organizzazione mondiale della Sanità l’ha detto chiaramente: tutti i tipi di amianto sono cancerogeni. Un tempo, però, la sua pericolosità era sconosciuta: per questo, era ampiamente utilizzato in vari settori, dall’edile al tessile. Fino al 1992, anno in cui il nostro Paese lo mise al bando. Da quel momento è iniziata una lunghissima opera di rimozione.

Perché l’amianto, un insieme di minerali della classe dei silicati le cui polveri, se inalate, possono produrre esiti cancerogeni, è stato impiegato davvero ovunque e ce lo ritroviamo, ancora, finanche in scuole e ospedali. Sono proprio queste strutture pubbliche ad essere, prioritariamente, al centro dell’azione intrapresa dal Ministero dell’Ambiente: ad essere ripartiti, secondo i coefficienti di assegnazione regionale usati per le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione, 385 milioni di euro. Di questi, oltre 3 milioni andranno al Friuli Venezia Giulia.

Un valido aiuto – non solo economico – per i territori d’Italia che, attraverso le Regioni, si sono dotati di opportune leggi per far fronte al pericolo. Purtroppo, la mancanza di progettazione a livello locale in passato ha ostacolato questo tipo di bonifica. Ciò non deve più avvenire! L’amianto è un pericolo per la Salute e l’Ambiente. La stima, pensate, è di 2000 scuole e 250 ospedali, da cui è necessario rimuoverlo. Per questo, il Ministero dell’Ambiente – oltre a finanziare gli interventi, individuare i soggetti beneficiari e le modalità di trasferimento delle risorse – supporterà nella fase progettuale Regioni ed Enti locali che dovranno definire gli interventi da realizzare entro il 2025.
Avanti con il Piano di bonifica da amianto, la salute è il bene più prezioso.



Di Luca Sut – La tua Voce a 5 Stelle:

FONTE : Luca Sut – La tua Voce a 5 Stelle