🌾 Approvata la mozione a sostegno del comparto cerealicolo nazionale, ecco cosa prevede

Di Paolo Parentela:

L’agroalimentare rappresenta un settore di estrema rilevanza per l’economia nazionale, come continuamente confermato dai dati positivi delle esportazioni e alcuni comparti, in particolare quello cerealicolo, mostrano difficoltà che rischiano di compromettere l’effettiva operatività di moltissime aziende, sia della produzione che della trasformazione.
Tra le criticità strutturali, specie con riferimento al grano duro, si segnalano senza dubbio l’obsolescenza del sistema degli impianti di stoccaggio, un’eccessiva polverizzazione dell’offerta, con moltissime aziende di piccole dimensioni e la necessità di migliorare la qualità tecnologica del grano duro sia in termini di valore molitorio, ovvero di resa in semola, sia di valore pastificante, ovvero di proprietà della pasta, anche in considerazione di un processo industriale che richiede un elevato tenore di proteine della materia prima.

Tali criticità, unitamente ad un’estrema variabilità delle condizioni di mercato sul mercato internazionale e le sfavorevoli condizioni climatiche che hanno interessato la penisola italiana, imponendo l’aumento delle importazioni, evidenziano la gravità della situazione in cui versano le imprese agricole nazionali, con intere aree votate alla produzione di grano diventate a scarsa redditività, con riflessi negativi sull’intera filiera della pasta nella quale, come noto, si riversa la quasi totalità della produzione di grano duro.
Il comparto cerealicolo opera, inoltre, in un contesto globale altamente specializzato e competitivo, la cui forte volatilità dei prezzi spesso non risulta strettamente correlata alla sola legge della domanda e dell’offerta, ma anche alle speculazioni finanziarie, all’andamento del costo del petrolio, alle oscillazioni delle valute, tutti elementi che causano distorsioni nella filiera e che danneggiano in modo significativo i produttori esposti, più degli altri anelli della catena, a repentine perdite di reddito.

Nel 1967 in Italia si producevano 1,4 milioni di tonnellate di pasta, quasi tutta destinata al consumo del mercato interno; oggi la produzione è più che raddoppiata, con 3,4 milioni di tonnellate circa, e per la metà è destinata all’esportazione: con ciò che ne consegue in termini di redditi e livelli occupazionali. E’, pertanto, indispensabile intervenire con urgenza per predisporre misure adeguate a sostegno del comparto cerealicolo nazionale, attraverso interventi volti a tutelare il reddito dei produttori e a migliorare la qualità tecnologica del prodotto, specie del grano duro, anche al fine di soddisfare le esigenze dell’industria di trasformazione, i cui prodotti si collocano ai primi posti tra gli alimenti di eccellenza presenti nei mercati internazionali senza ovviamente dimenticare l’attività di controllo che è fondamentale per la tutela del made in Italy, per la certezza della qualità di ciò che arriva sulle nostre tavole.

Per tali motivi abbiamo presentato e approvato oggi alla Camera dei Deputati una mozione parlamentare per impegnare il governo a:

– intraprendere, con urgenza, ogni utile iniziativa volta a rimuovere le criticità che caratterizzano il comparto della cerealicoltura nazionale, anche alla luce di dinamiche internazionali di mercato spesso sfavorevoli che, incidendo negativamente sui fattori di debolezza strutturale, peggiorano le condizioni economiche ed occupazionali delle aziende cerealicole;
– ad attivare gli interventi previsti dal Piano cerealicolo nazionale, nonché a mettere a punto una sua revisione alla luce delle mutate condizioni di mercato, dotandolo di adeguate risorse finanziarie;
– sostenere e incentivare lo strumento dei contratti di filiera, al fine di tutelare il reddito dei produttori e di promuovere una più equilibrata distribuzione della produzione sul territorio nazionale;
– adottare iniziative per rafforzare la tutela e la protezione delle produzioni nazionali di grano duro di qualità, che costituiscono alcune delle più note eccellenze del made in Italy a livello globale;
– incentivare il ricorso alla contrattazione tra le imprese e la premialità delle produzioni sulla base della qualità ottenuta, anche attraverso l’istituzione di un tavolo di lavoro composto da rappresentanti del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo e delle associazioni di categoria maggiormente rappresentative, al fine di individuare percorsi condivisi volti a favorire tutte quelle soluzioni idonee a migliorare l’equilibrio di mercato e la trasparenza nella rilevazione e nella formazione di prezzi;
– fronteggiare l’inadeguatezza del sistema produttivo nazionale del grano duro attraverso il sostegno alla ricerca scientifica finalizzata al miglioramento della qualità nella fase della coltivazione mirando anche a sviluppare tecniche agronomiche a basso impatto per il controllo delle avversità e la riduzione degli input chimici, nonché alla realizzazione di impianti idonei a consentire uno stoccaggio corretto e differenziato in funzione della qualità della materia prima;
– assumere iniziative per introdurre misure di agevolazione fiscale, anche per un periodo transitorio, vista la situazione emergenziale determinatasi, volte a consentire alle aziende cerealicole di recuperare quei margini di redditività minimi che ne giustifichino la continuità operativa;
– porre in essere iniziative volte a sostenere la promozione dei controlli di qualità del sistema del made in Italy che contempli più efficaci controlli sulla provenienza del grano da Paesi terzi, anche nell’ottica di una maggiore tutela del consumatore finale e al fine di tutelare la filiera produttiva italiana e garantire alti standard di qualità;
– assumere iniziative affinché non sia messo a rischio un prodotto simbolo del made in Italy a causa del ribasso dei prezzi del grano e dell’invasione dei prodotti stranieri a volte anche di scarsa qualità e privi di controllo, al fine di garantire reddito agli operatori del settore cerealicolo.

Nelle altre mozioni approvate abbiamo votato altrettanto impegni importati come:

– valorizzare i grani antichi e quelli biologici perché dispongono di una nicchia di mercato in continua espansione;
– valutare, d’intesa con le regioni e con gli operatori della filiera cerealicola, l’inserimento nei piani di sviluppo rurale del sostegno a interventi di cooperazione per la diffusione dell’innovazione nella filiera cerealicola;
– rafforzare, con il coinvolgimento del Ministero della salute, i controlli nei principali porti italiani al fine di contrastare l’arrivo da Paesi terzi di grano di bassa qualità;
– individuare un percorso condiviso con gli attori della filiera finalizzato ad aumentare la produzione di grano di alta qualità idoneo alla pastificazione, sviluppando modelli di contrattazione premiali, che tengano conto anche delle differenti condizioni di coltivazione sul territorio;
– prevedere campagne di promozione e valorizzazione della pasta italiana nel mondo, attraverso l’implementazione di una strategia di sostegno all’export e la costituzione di un tavolo di lavoro dedicato;
– lavorare presso le sedi europee affinché vengano definite norme comuni che rendano obbligatoria l’indicazione dell’origine del frumento duro sulle confezioni di pasta, anche al fine di contrastare dumping e forme di concorrenza sleale tra i vari Stati europei.

Sostenere la filiera del grano duro significa salvare uno dei settori storici della nostra agricoltura e del nostro Paese a livello mondiale. Lo stiamo facendo attraverso questa mozione che possa rilanciare l’intero settore che attraversa un periodo di crisi importante, dando sostegno alle moltissime aziende coinvolte, sia per il piano della produzione che della trasformazione del prodotto.

Riporto qui di seguito l’intervento in aula durante la dichiarazione di voto del collega del MoVimento 5 Stelle Luciano Cillis, prima firmatario della mozione approvata.



FONTE : Paolo Parentela